image-571
image-210
image-699
Lorem ipsum dolor sit amet
Lorem ipsum dolor sit amet
Lorem ipsum dolor sit amet
logotrotrbianco2

ⓒ 2021 - the Reds on the Road - ALL RIGHTS RESERVED


facebook
instagram
youtube

the Reds on the Road

travel nature wanderlust

IN CAMPER ALLE CINQUE TERRE: A SPASSO PER RIOMAGGIORE, MANAROLA, VERNAZZA E MONTEROSSO

21/04/2021 13:52

Cristina e Mauro

ITALIA, LIGURIA, cinque terre, viaggi in camper, liguria in camper, cinque terre in camper, cinque terre con bambini, liguria con bambini, viaggio alle cinque terre, weekend alle cinque terre, dove dormire in camper alle cinque terre, dove sostare in camper alle cinque terre,

IN CAMPER ALLE CINQUE TERRE: A SPASSO PER RIOMAGGIORE, MANAROLA, VERNAZZA E MONTEROSSO

Un weekend invernale in camper alle Cinque Terre. Solo noi, i gabbiani e mille casette colorate

Quanto ci piace festeggiare i compleanni in viaggio! 

Non so, è come se festeggiare in viaggio desse più valore ad un giorno già importante di suo.

A me sono toccati i 40 anni alle Cinque Terre, ma questo non era il progetto iniziale.

 

Era una vita che parlavamo di un viaggio invernale in Lapponia per festeggiare i miei 40 anni.

Sognavamo mille sfumature di bianco candido, i sentieri nella foresta e le renne come uniche compagne di viaggio sotto l’aurora boreale.

Non avevamo tenuto conto di una pandemia mondiale. Quella che ci ha fatto rivoluzionare ogni nostra prospettiva e ci ha tolto la quotidianità dei gesti semplici che ci facevano stare bene.

 

E quindi cosa si fa se non si può andare in Lapponia e non si può nemmeno uscire dalla regione?

Lapponia : Europa = x : Liguria

 

Qual è il posto in Liguria dove vogliamo festeggiare senza rinunciare all'effetto meraviglia?

 

Ma ovviamente le Cinque Terre!!!

 

Le mille sfumature di bianco si sono trasformate in mille colori, i sentieri nella foresta in stretti sentieri tra le fasce e le renne, beh…c’erano i gabbiani che sapevano tanto di Lofoten.

Per l’aurora boreale non abbiamo potuto fare molto, ma le pennellate nel cielo e nel mare non erano niente male!

 

C’è voluta una pandemia per riuscire a vederle in totale solitudine, per sentire il rumore delle onde e dei gabbiani senza il vociare di migliaia di persone, per salire e scendere dal treno senza doverci mettere in coda, per dormire ad un passo dagli scogli senza nessun altro intorno.

Le abbiamo avute tutte per noi ed è stato speciale, irripetibile.

Ora che entrambi siamo quarantenni, un compleanno vale l’altro, la Lapponia invernale è lassù che ci aspetta…magari prima dei 50 però!

 

Come raggiungere le Cinque Terre in camper

 

Le Cinque Terre si trovano in un territorio che è tutto fuorchè camper friendly. Ma neanche car friendly, a dire il vero.

Non avventuratevi senza informarvi in anticipo, potrebbe essere un'esperienza poco piacevole.

 

Noi, come vi spieghiamo alla fine di questo articolo, siamo scesi col camper fino a Monterosso complice il periodo poco affollato, ma se questo non fosse possibile, o se non ve la sentiste di guidare un mezzo ingombrante lungo quella strada stretta che scende al mare, potreste posteggiare il mezzo in una delle aree sosta della riviera di levante e poi raggiungere le terre con il treno.

 

Un'altra opzione molto interessante è quella che noi abbiamo scelto diversi anni fa.

Il tragitto Genova Porto Antico - Vernazza a bordo di battello, una gita davvero rilassante, romantica e suggestiva per chi vuole vivere una giornata diversa in uno scenario da favola, accompagnati dai delfini.

Chiaramente nel periodo invernale il servizio è sospeso, ma tenetelo in considerazione per un weekend di fine primavera, come avevamo fatto noi.

È un'esperienza da non perdere!

 

Come organizzare una gita alle Cinque Terre in inverno

In autunno ed inverno i sentieri che collegano le varie terre sono spesso chiusi per lavori di ripristino dopo alluvioni, frane o mareggiate, ma i tratti aperti sono gratuiti e percorribili senza pass. 

I biglietti del treno costano 1,90€ per ogni tratta tra le singole terre e 2,20€ per il tragitto più lungo (Monterosso-Riomaggiore). 
Ogni biglietto è valido solo per 75’, quindi non si può fare il biglietto unico per l’intera tratta e scendere ad ogni terra utilizzando lo stesso biglietto, ma serve avere singoli biglietti per le singole tratte. Si possono acquistare tutti i biglietti in anticipo per non perdere tempo in ogni stazione, ma ricordatevi di obliterare i biglietti solo al momento giusto, appena prima di salire sul treno relativo a quella tratta.
I treni passano ogni 30’-60’ e, a parte Corniglia che è distante dalla ferrovia, tutte le stazioni si trovano a due passi dal centro del paese.

 

Cosa vedere a Monterosso

 

Monterosso è il borgo piu' grande delle 5 Terre, quello più comodo da raggiungere e visitare, ma anche quello più simile ad altri borghi della riviera di Levante e quindi, forse, meno scenografico, ma comunque molto caratteristico.

È diviso in due parti da un promontorio; da un lato si trovano la grande spiaggia sabbiosa, l'unica delle Cinque Terre, il lungomare e la stazione del treno, dall'altro, raggiungibile attraverso una galleria o una passeggiata a strapiombo sul mare, il borgo vero e proprio, fatto di vicoli e botteghe che si affacciano sul porticciolo.

Sulla parte più occidentale della spiaggia, non perdete la statua del Gigante, purtroppo ancora in restauro.

 

Cosa vedere a Vernazza

 

Vernazza regala scorci tra i più pittoreschi delle Cinque Terre.

Arrivando in treno, noi abbiamo scelto di salire verso la Torre percorrendo un piccolo tratto del Sentiero Azzurro per godere del primo panorama spettacolare su questo borgo. Il sentiero prosegue verso Manarola, ma noi siamo ritornati verso il centro storico scendendo attraverso gli stretti vicoletti. 

 

Arrivati sulla piazza principale, non perdete la Chiesa di Santa Margherita, con le finestre a bifora che si affacciano sull'acqua.

Poi potete raggiungere gli scogli, da cui avrete scorci incredibili sul borgo, oppure salire verso il Sentiero Azzurro che torna verso Monterosso a Ponente, fino ad arrivare al punto panoramico mozzafiato che vediamo in tutte le foto di Vernazza.

 

Cosa vedere a Manarola

 

Manarola si trova su una scogliera a picco sul mare.

Millemila casette colorate una addossata all'altra contornate da orti e giardini perfettamente ordinati sulle fasce lungo le colline.

 

Nel periodo natalizio, il versante della collina si accende dando vita a più di 300 figure che compongono il famoso Presepe di Manarola. 

Il punto panoramico da cui vedere il Presepe in tutto il suo splendore, si trova in uno dei punti più alti del borgo, sulla terrazza della Chiesa di San Lorenzo.

 

Scendendo verso il mare e imboccando il primo tratto del Sentiero Azzurro verso ponente, si raggiunge il Parco Giochi Paradiso. Credetemi, lo è davvero. 

Da lì si gode anche la vista su Manarola che tutti conoscono.

 

Manarola e Riomaggiore sono collegate, oltre che dalla ferrovia, anche dalla Via dell'Amore, un sentiero scavato nella roccia estremamente panoramico e suggestivo che però purtroppo è chiuso ormai da diversi anni.

 

Cosa vedere a Riomaggiore

 

Come altre terre, Riomaggiore si sviluppa lungo colline e scogliere ed è caratterizzata da vicoli stretti e casette colorate, ma il suo fascino di borgo marinaro resta unico.

 

Se cercate angoli speciali per immortalare Riomaggiore nelle vostre foto, attraversate il tunnel decorato con le ceramiche colorate a mosaico e scendete sugli scogli del porticciolo; avrete una meravigliosa vista sulle casette colorate e sulle barche dei pescatori.

 

La sapete una particolarità delle case di Riomaggiore? Hanno tutte il doppio ingresso, uno in facciata e uno sul retro che servivano per sfuggire ai frequenti attacchi dei pirati saraceni.

 

No, non ci siamo dimenticati di Corniglia. Non ve ne abbiamo parlato perchè in questo viaggio l'abbiamo esclusa. Corniglia è la terra più difficile da raggiungere. La stazione si trova sul mare, ma il borgo è in cima alla collina, raggiungibile con una navetta (anche se non sappiamo se sia attiva anche nel periodo invernale) o attraverso una lunga camminata in salita. Ci siamo stati altre volte, ma non nel nostro ultimo viaggio di febbraio, per poter dedicare più tempo alle altre terre.

 

In Area Sosta camper alle Cinque Terre

 

Dove dormire in camper se la sosta libera non è possibile?

 

In mancanza di spot super panoramici e isolati come piacciono a noi e con il coprifuoco che non consente il pernottamento al di fuori delle strutture, abbiamo deciso di sostare al Park Fegina di Monterosso [GPS: 44.14446, 9.64681] che ci ha permesso di visitare le terre serenamente e comodamente. 

Si tratta di un posteggio misto che nel periodo invernale dedica alcuni posti ai camper e che si trova a due passi dalla stazione del treno, praticamente sugli scogli.

Questo vi permetterà di dormire col rumore delle onde...non sottovalutatelo, è davvero spettacolare!

Nota dolente, il prezzo: 20€/24h oppure 2€/h per soste brevi. 
 

Considerate che non ci sono servizi e che nei periodi di affollamento questo parcheggio si riempie velocemente (in estate, pare essere un semplice parcheggio dedicato esclusivamente alle auto), ma noi ci siamo stati il primo weekend di febbraio, nel deserto più assoluto.

 

+ Sito di riferimento: http://www.parconazionale5terre.it

cinqueterreriomaggiore-1622804078.jpgcinqueterreriomaggiorecamper-1622804084.jpgcinqueterreriomaggioreliguria-1622804090.jpgliguriacinqueterreriomaggiore-1622804143.jpgcinqueterremanarola-1622804151.jpgcinqueterremanarolabambini-1622804158.jpgcinqueterrevernazza-1622804172.jpgliguriacinqueterremanarola-1622804202.jpgcinqueterrevernazzaliguria-1622804211.jpgliguriavernazza-1622804219.jpgvernazzaliguria-1622804226.jpgcinqueterrevernazzasentieroazzurro-1622804232.jpgliguriacinqueterrevernazza-1622804243.jpgcinqueterrevernazzacaruggi-1622804251.jpgcinqueterrecaruggivernazza-1622804257.jpgliguriacinqueterrevernazzacaruggi-1622804263.jpgcinqueterreliguriavernazza-1622804269.jpgcinqueterrecamper-1622804274.jpg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder