image-571
image-210
image-699

SUI BINARI DEL TRENO CON I DRAISINES DE LA MOLIGNEE - BELGIO

IN CANOA TRA I CANALI DI LÜBBENAU/SPREEWALD - GERMANIA

LA STRADA DELLE FAVOLED DEI FRATELLI GRIMM - GERMANIA 

logotrotrbianco2

the Reds on the Road


facebook
instagram
youtube

facebook
instagram
youtube
titolo sito 2

 2022 - the Reds on the Road - ALL RIGHTS RESERVED

SOSTA LIBERA IN CAMPER - PERCHE' LA PREFERIAMO A CAMPEGGI E AREE SOSTA?

29/07/2022 12:54

Cristina e Mauro

CAMPERLIFE, sosta libera camper, sosta libera in camper, camper sosta libera, caravanya, park4night, dormire in camper, dove dormire in camper, sosta camper, dormire fuori dai campeggi, campeggio selvaggio, wild camping, camper in libera, camper con bambini, bambini in camper, sostare in camper, viaggi in camper con bambini ,

SOSTA LIBERA IN CAMPER - PERCHE' LA PREFERIAMO A CAMPEGGI E AREE SOSTA?

Sosta libera in camper. Dove si può e dove no, quali sono le nostre soste migliori e perché la preferiamo ad aree sosta e campeggi

sosta-libera.jpeg

Parliamo di camper in sosta libera. Perche' ci piace tanto?


Per noi sosta libera significa stare in mezzo alla natura, avere tanto spazio all'aperto, non avere orari, non scendere a compromessi con nessuno se non con il rispetto e le norme del posto.


In sintesi, per noi sosta libera vuol dire libertà assoluta, ma in posti che lasciano a bocca aperta. 


E chi tornerebbe indietro dopo aver provato un’esperienza tanto emozionante?

sosta-libera-camper-norvegia.jpeg

Se il camper dispone di poco spazio interno, aprire la porta e avere un giardino senza confini tutto per noi, non è niente male! Nessuna piazzola in nessun campeggio super attrezzato potrà mai darci le sensazioni che proviamo in libera.

sostare-in-libera-col-camper.jpeg

Per definizione, anche dormire nel posteggio di un supermercato è libera, ma ecco…non è quella che piace a noi!

In certe situazioni, durante lunghi spostamenti, anche noi abbiamo ceduto a soste in posti non proprio panoramici, ma comunque tranquilli e abbastanza sicuri da poter riposare serenamente.

sosta-libera.jpeg

Attenzione, però! Sostare in libera non vuol dire campeggiare gratuitamente dove capita! Quello è vietato pressoché ovunque.


Ci sono regole ben precise e ogni paese le stabilisce per il proprio territorio.

 

Quello che vale da tutte le parti è che in libera non si lasciano tracce! Mai e per nessun motivo! 

Non ci si allarga con tendalino, stuoia, tavoli e sedie. Non si scarica dove capita, non si lascia spazzatura in giro. Insomma, tutte regole di buonsenso, ma è bene ribadirle! 

 

Noi al limite tiriamo fuori le sedie per goderci le stellate, ma prima di rientrare in camper riponiamo tutto.
Per noi non è difficile rispettare questo tipo di regole, il nostro camper è abbastanza spazioso da permetterci di fare all’interno tutto quello che vogliamo e di godere dello spazio esterno per immergerci nella natura.

batteria-portatile.jpeg

Negli ultimi anni abbiamo dormito in posti da sogno in diversi stati europei, dove la sosta libera è consentita, ovviamente, e questo ci ha lasciato ricordi stupendi! 
Ovviamente il non avere una struttura di supporto comporta delle condizioni da non sottovalutare. Le risorse non sono infinite e bisogna imparare a limitare i consumi.

soste-migliori-in-norvegia.jpeg

E per la sicurezza? Certo, può sembrare che rinchiudersi all’interno di un luogo recintato o addirittura custodito possa essere più sicuro, ma con un po’ di attenzione sulla scelta dei luoghi e con il camper attrezzato a dovere, si possono dormire sonni più che tranquilli anche in libera.

postibellidovedormireincamper-1622663645.jpg
Dov'e' consentita la sosta libera in Europa?

 

Non si può fare libera ovunque. Purtroppo!

 

Ci sono stati dove abbiamo sostato nelle aree camper, perché la libera non è permessa, o comunque mal tollerata e quindi abbiamo preferito evitare, come ad esempio in Olanda, Repubblica Ceca, Croazia e Slovenia

 

I paesi scandinavi invece regalano la possibilità di sostare quasi ovunque, in totale libertà, a contatto con la natura, a patto che se ne abbia rispetto.

Quello non deve mancare mai!

autonomia-sosta-libera-camper.jpeg

In Norvegia abbiamo dormito a bordo dei fiordi, sulle spiagge bianchissime delle Lofoten con il sole di mezzanotte che ci teneva compagnia, ma anche sotto un ghiacciaio, a fianco di muri di neve e laghi ghiacciati.

 

In Finlandia ci siamo goduti notti silenziosissime a bordo dei millemila laghetti o immersi nelle foreste fittissime.

Alle isole Åland accanto ai villaggi dei pescatori, con solo il rumore delle onde e dei gabbiani.

 

In Danimarca abbiamo dormito sulla sabbia delle dune, affacciate sul Mare del Nord, col vento che soffiava fortissimo.

 

In Scozia il nostro giardino erano spiagge di sabbia finissima, scogliere altissime o vallate completamente isolate, dove non abbiamo incontrato nessuno se non aquile e cervi. 

 

In Polonia siamo stati accolti da piccoli villaggi con le casette di legno o da fiumiciattoli di acqua cristallina.

 

Anche in Germania e Austria abbiamo trovato spot molto panoramici, mentre in Francia abbiamo potuto fare libera in posti stupendi quasi sempre.

Ad esempio, in Bretagna abbiamo spesso trovato cartelli che vietavano la libera nel periodo estivo, ma la consentivano durante il resto dell’anno. E’ stato perfetto, perché viaggiando in primavera, questo ci ha permesso di dormire accanto ai fari, lungo la costa, ammirando la marea dalle finestre oppure ai piedi di minuscoli villaggi arroccati. Nella Penisola del Cotentin il paesaggio da sogno ha fatto da cornice a diverse notti da sogno e in Provenza abbiamo passato una profumatissima notte in mezzo alla lavanda!

 

In Italia, beh…in Italia il codice della strada tendenzialmente non consente la sosta libera. Noi non abbiamo grande esperienza nel nostro paese perché generalmente preferiamo viaggiare all’estero, ma durante il viaggio del 2020 siamo riusciti a sostare quasi sempre fuori dalle strutture chiedendo direttamente il permesso ai vigili della zona, che spesso ce l’hanno concesso. 

 

Per valutare dove la sosta libera è consentita e dove no e per conoscere le varie politiche a riguardo, vi consigliamo di consultare il sito di Caravanya che ha una sezione sul campeggio selvaggio molto valida.

sostareinliberacolcamper-1622663954.jpg
montagnasostaliberalago-1622663597.jpg

Come ci siamo organizzati per una libera consapevole e sicura? La corrente, i serbatoi e gli scarichi.

 

Per soddisfare questo nostro modo di vivere il camper, abbiamo piano piano attrezzato Globo a dovere, sia dal punto di vista dell’autonomia che della sicurezza, ma oltre a questo l’abbiamo anche reso comodo e pratico a tal punto da essere perfetto per le nostre esigenze.

strada-della-neve.jpeg

Per quanto riguarda l’aspetto energetico, ci siamo rivolti ad Andrea di GenovaCamper, di cui ci fidiamo ciecamente, perché ci consigliasse una soluzione adatta alle nostre esigenze di viaggio e dotasse il camper di un impianto che ci permettesse di raggiungere l'indipendenza energetica.

Con doppia batteria servizi, pannelli solari e inverter possiamo usare quasi tutte le apparecchiature che funzionano a corrente anche in viaggio come se fossimo a casa e non abbiamo mai bisogno di collegarci alle colonnine della corrente.

camper-europa.jpeg

La svolta definitiva è stata la batteria portatile River Pro che EcoFlow ci ha fornito per il nostro ultimo viaggio in Norvegia. Ora siamo completamente indipendenti dal punto di vista energetico e in camper possiamo addirittura usare il phon senza pensieri e senza il rischio di affaticare le batterie del camper.

phon-viaggio.jpeg

I serbatoi sono sufficientemente capienti da consentirci 2 o 3 giorni di totale autonomia, lontani dalla civiltà. :)

Per le emergenze, quando la civiltà è più lontana del solito, abbiamo una cassetta di scorta per le acque nere in modo da non farci trovare impreparati nel caso non ci siano possibilità di scarico in zona. A quel punto siamo tranquilli per 4 o 5 giorni. Non male visto che viaggiamo in 4!

carico-scarico-norvegia.jpeg

Per il carico dell’acqua potabile siamo attrezzati in diversi modi, abbiamo il tubo classico con diversi innesti in base ai vari diametri che si possono trovare in giro, da usare ad esempio nelle aree di carico/scarico, il tubo elastico che è molto lungo ma occupa pochissimo spazio e ci permette di caricare acqua anche se il camper non può avvicinarsi troppo al rubinetto e poi abbiamo l’annaffiatoio da 12 litri utilissimo quando non troviamo rubinetti adatti ai nostri tubi o quando l’unica soluzione disponibile è una fontanella per strada.

In questo modo difficilmente rimaniamo senza scorte d’acqua nei serbatoi.

 

L’acqua che carichiamo nel serbatoio delle chiare però, nonostante sia pulita e potabile, ci serve solo per lavarci e usare il wc.

Per cucinare preferiamo usare due taniche da 5 L, che riempiamo ogni volta che si presenta l’occasione e che conserviamo a portata di mano in cucina.

 

Per limitare lo spreco d’acqua abbiamo installato i filtri EcoTecno per i rubinetti. In effetti la differenza di consumi è evidente e adesso le scorte ci durano un po’ di più…

camperinscozia-1622663431.jpg

E la sicurezza? Come riusciamo a sentirci al sicuro dove nessuno ci protegge?

 

Per quanto riguarda la sicurezza, tanti ci fanno notare quanto la sosta sia più sicura in aree sorvegliate o quantomeno recintate, soprattutto con bambini a bordo.

 

Beh, diciamo che la libera che noi amiamo è in posti talmente isolati che difficilmente ci sentiamo in pericolo. Probabilmente il primo essere umano è a decine di km da noi e ha altro da fare che venire a derubarci.

Poi mai dire mai, per carità, ma scegliere di fare libera vuol anche dire avere un certo occhio per le location.

dove-sostare-in-libera.jpeg

Non ci fermeremmo mai nelle periferie malfamate di una città, ma pensiamo che una spiaggia tra i fiordi norvegesi, i piedi di un faro bretone, un lago finlandese o una foresta polacca siano sufficientemente sicuri da essere vissuti in camper in tranquillità.

Abbiamo più probabilità di incontrare qualche animale…e la cosa ci piace moltissimo!

animali-in-viaggio.jpeg

In ogni caso, il nostro camper è dotato di antifurto volumetrico/perimetrale che si attiva appena qualcuno tenta di toccare porte o finestre, abbiamo le porte bloccate saldamente dall’interno e il rilevatore per le perdite di gas e per i gas soporiferi. Non saranno dispositivi infallibili, ma di sicuro aiutano a rallentare le manovre di eventuali malintenzionati.

 

In questi anni abbiamo girato tanto, in diversi stati europei, ma non abbiamo mai avuto brutte sorprese.

 

L’unica esperienza di risveglio notturno imprevisto è stata durante la notte che abbiamo passato alle Cascate del Niagara negli Stati Uniti. In piena notte abbiamo sentito bussare e urlare POLICE! Un simpatico poliziotto ci ha scortati a pochi km dal posto in cui avevamo deciso di pernottare, indicandocene uno più adatto e sicuro. Grandi sorrisi, un tour alternativo in pigiama e poi di nuovo tutti a dormire col sottofondo delle cascate.

sole-mezzanotte-norvegia.jpeg

Non e' piu' pratico essere in campeggio dove hai uno spazio esterno per mettere le cose che non stanno dentro il camper?

 

Anche per questo aspetto abbiamo fatto in modo di avere un mezzo adatto al nostro stile di viaggio.

 

Quando abbiamo deciso di cambiare camper ci siamo messi a tavolino ad elencare le caratteristiche imprescindibili. Tra queste c’era la lunghezza non eccessiva (non volevamo superare i 7 m) ma anche la possibilità di disporre di sufficiente spazio interno nel caso di brutto tempo, che significa tante ore da passare indoor a giocare, chiacchierare, guardare un film in uno spazio ristretto. E amando il nord Europa questo succede molto spesso.

 

Stando in libera non si dispone di veranda in cui piazzare tutto quello che ingombra ed occupa spazio.

E spostandoci ogni giorno ci serve essere pronti a partire in ogni momento, senza dover traslocare ogni volta.

camperscoziadormireinlibera-1622663444.jpg

In camper abbiamo poche cose, ma non ci manca niente. Tutto è sistemato ed ordinato nel posto più pratico ed ogni cosa è a portata di mano.

Quando andavamo in campeggio eravamo un po’ meno rigidi in questo perché sapevamo di poter lasciare le cose ingombranti fuori e quindi in viaggio il camper era sempre stracarico e molto pesante.

E questo, oltre ad essere pericoloso, è anche molto scomodo.

 

Decidere per la libera ci ha insegnato a lasciare a casa il superfluo e, in un certo modo, a viaggiare leggeri...

sostaliberascoziacamper-1622663932.jpg

Un’altra caratteristica che abbiamo fatto fatica a trovare tra i tanti mezzi visti in fase di scelta, è stata il letto basculante sagomato in modo da non invadere la porta d’uscita così da poter salire e scendere dal camper anche quando i ragazzi stanno dormendo.

Ormai è diventata tradizione...le albe e le stellate sono imperdibili durante i nostri viaggi e vogliamo essere liberi di goderceli senza avere la porta bloccata dal letto tirato giù (cosa che all’epoca della ricerca succedeva sul 90% dei mezzi).

In più, il basculante abbassato ci permette, comunque, di usare il tavolo.

Capita spesso che la sera noi ci sediamo nella dinette a lavorare al computer mentre i ragazzi stanno già dormendo, oppure che io la mattina faccia colazione appena rientrata dalla passeggiata all’alba, quando il resto della famiglia è ancora sotto il piumone.

 

Altra condizione importante era avere la doccia separata in modo da non allagare tutto ogni volta che ci si lava oppure per poterla usare come vano dove stendere eventuali giacche bagnate o vestiti appena lavati. Non utilizzando le docce del campeggio, questa è una caratteristica rilevante, anche perchè a lavarci siamo in 4 e può succedere che mentre uno fa la doccia, ad altri serva il bagno. Non è una cosa così rara…

 

Ovviamente ci serviva un mezzo che ci permettesse di avere i letti SEMPRE pronti, il tavolo SEMPRE libero e i seggiolini SEMPRE in posizione.

In libera non usiamo il tavolo all'esterno e l’idea di montare/smontare la dinette continuamente non ci ha mai minimamente sfiorato! 

dormiresostaliberacamper-1622663555.jpg

La libera che amiamo tanto ci fa anche risparmiare!

 

Che dire...oltre al fatto che noi siamo più felici a goderci la natura nel mezzo del nulla, non entrare in campeggi e aree sosta la notte ci ha fatto anche risparmiare moltissimo.

Considerando che generalmente i prezzi si aggirano da un minimo di 5€ per un’area senza grandi servizi ad anche 40-50-60€ per una notte in campeggio, in viaggi di diverse settimane il risparmio si fa sentire eccome.

sosta-libera-norvegia.jpeg

Quando entriamo in campeggi o aree sosta?

 

Purtroppo ci sono stati che non permettono il pernottamento fuori dalle aree dedicate e chiaramente in quel caso rispettiamo il regolamento locale. 

 

Un altro caso in cui normalmente entriamo nelle aree camper è quando visitiamo una città. Non sempre nei grandi centri troviamo posteggi liberi adatti alle nostre misure e, come dicevo prima, non vogliamo rischiare di trovarci in periferie magari mal frequentate e molto lontane dal posto che intendiamo vedere.

 

A questo punto ci affidiamo ad app come Park4night che ci indica la sosta più comoda, collaudata e recensita da millemila altri utenti nella nostra situazione.

A bordo in genere portiamo sempre le bici per tutti e 4, quindi raggiungere il centro città non è mai un problema, nè una grossa perdita di tempo.

In questo modo possiamo rimanere in città anche fino a tarda sera per visitarla illuminata o rientrare al camper durante la giornata se non vogliamo pranzare/cenare in giro, in totale autonomia.

 

Da quando abbiamo la lavatrice da viaggio ScrubbaWashBag, che troviamo davvero utilissima e di cui presto vi parleremo nel dettaglio, non dobbiamo entrare in campeggio nemmeno per fare il bucato e questo ci regala ancora più notti in libertà!

lavatrice-da-viaggio.jpeg
dormireincamper-1622663533.jpg

A conti fatti dunque, per il tipo di viaggio che piace a noi, le notti all’interno di una struttura sono davvero pochissime, perché

sostacamperpanoramica-1622663721.jpg

Se siete ancora indecisi, se state pensando di provare un'esperienza in camper ma c'è ancora qualcosa che vi frena, in questo articolo abbiamo racchiuso i nostri pro e i contro dei viaggi a bordo di una casa con le ruote.

Date un'occhiata e vediamo se riusciamo a togliervi qualche dubbio! 

postidovedormireincamper-1622663658.jpg

Siamo sicuri che avrete altre domande, altri spunti di riflessione o suggerimenti da darci, quindi vi aspettiamo nei commenti!

Fateci sapere cosa ne pensate della sosta libera e com'è la vostra camperlife!


sostaliberaincamper-1622663884.jpg

Grazie per aver visitato il nostro Blog!
Speriamo che i nostri consigli vi possano essere utili se state pensando alla sosta libera

per il prossimo viaggio o se semplicemente la sosta libera vi incuriosisce. 

Se vi servono altre informazioni non esitate a contattarci via mail all'indirizzo hello@theredsontheroad.com oppure attraverso il box dei commenti che trovate qui sotto.

 

A presto, con altri racconti.

Cris, Mau, Ali e Samu

PRIVACY POLICY ↟ COOKIE POLICY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder